Didascalia N° 1

Barbagianni (Tyto alba) cm 35.

Classificazione Ordine Strigiformi, famiglia Titonidi.

Diffusione Europa, Asia minore e meridionale, Africa, Americhe, Australia.

Vita e abitudini Frequente ma solo localmente, vicino a edifici e ruderi, è il solo strigiforme ad avere la faccia a forma di cuore. La sottospecie dell'Europa meridionale e occidentale ha il petto scuro Generalmente notturno, caccia ratti e topi nei cortili delle fattorie, nelle paludi e nei campi. Ha l'abitudine particolare di abbassare il capo e di muoverlo avanti e indietro. Il verso è un soffice grido ansimato di tono crescente e uno stridio. Al nido, la voce è un sibilo molto simile al russare dell'uomo. Nidifica tra le rovine, nei cavi degli alberi, nelle cavità delle rocce, sui campanili, ecc. Depone una sola covata, spesso due, costituita generalmente da 4-7 uova (occasionalmente 3-11) che sono deposte, come da tutti i rapaci, ad intervalli di qualche giorno l'una dall'altra. L'incubazione che comincia con la deposizione del primo uovo. affidata alla femmina, dura per 32-34 giorni. I nidiacei, nidicoli, sono alimentati da entrambi i genitori, volano a circa 60 giorni d’età e sono indipendenti all'età di circa 10 settimane. Il barbagianni si nutre soprattutto di piccoli roditori e piccoli uccelli.

Didascalia N° 2

Nome scientifico: Tyto alba 
Ordine: Strigiformi
Famiglia: Titonidi 
Altezza: 35 cm 
Peso: circa 350 gr. 

Caratteristiche generali

Il barbagianni vive negli anfratti rocciosi, nei vecchi edifici, e nei campanili. E' un uccello sedentario. Solitamente i giovani si spostano molto dal luogo di nascita, ma una volta trovato il loro territorio non lo abbandonano più. I suoi movimenti sono più lenti rispetto agli altri uccelli notturni, ma non ha difficoltà a mettersi in fuga al primo rumore. Il barbagianni si nutre di grossi insetti, talpe, ratti e piccoli uccelli che cattura durante la sua caccia notturna. Il periodo riproduttivo, generalmente va da aprile a maggio e da luglio a ottobre, la covata comprende da 2 a 9 uova, deposte con intervallo di 2 o 3 giorni, la femmina le cova per 35 giorni circa mentre il maschio provvede al cibo. Dopo la schiusa entrambi i partner provvedono alla crescita dei piccoli che prima di volare passano in media 10 o 12 settimane. Il corpo del barbagianni è caratterizzato da due dischi facciali di colore argenteo che formano un cuore sul volto.

 

Strigiformi

www.naturaearte.altervista.org