Civetta (Athene noctua) cm 22. Comune su terreno aperto con alberi e siepi, spesso vicino all'abitato. L'aspetto è tozzo e il capo grosso. Le macchie bianche sul collo formano una caratteristica « V ». Parzialmente diurna, ha un caratteristico volo ondulato; sa fare lo « spirito santo ». Quando è eccitata, si « inchina ».

Classificazione Ordine Strigiformi, famiglia Strigidi.

Ambiente, Zone aperte, pianure, campagne.

Diffusione Europa, Africa settentrionale, Asia.

Vita e abitudini, nidifica in cavità d’alberi, di roccia, di vecchi edifici. Depone una e talvolta due covate, costituite generalmente da 3-5 uova. talvolta 2-8 che sono incubate dalla femmina per un periodo di 28-29 giorni. I nidiacei, nidicoli, sono allevati da entrambi i genitori e possono lasciare il nido all'età di 4 settimane circa anche se non sono in grado di volare se non alla quinta settimana circa d’età. La civetta si nutre di piccoli roditori, piccoli uccelli, vari invertebrati (insetti, lombrichi). Emette un caratteristico verso lamentoso "cuccùiu" e un più forte "iurru".

 

 

Didascalia N° 2

Nome scientifico: Athene noctua 
Ordine: Strigiformi 
Famiglia: Strigidi 

Caratteristiche generali

La civetta è un animale che si muove di notte e di giorno. Ama sonnecchiare al sole e in caso di pioggia dispiega le ali e si lascia bagnare dall'acqua. Caccia solitamente di notte. In volo è riconoscibile per la caratteristica andatura ondulata e per le corte ali arrotondate. Si alimenta con animali, quali uccellini, ratti, talpe e altri piccoli mammiferi, ma cattura anche grossi insetti, ragni, lucertole e rane. Le civette, come i gufi non hanno gozzo: le parti indigeste degli animali, quali i peli, le piccole ossa, vengono compressi nello stomaco e in seguito rigurgitati. L'epoca della riproduzione ha luogo nei primi mesi dell'anno e viene preceduta da una sorta di corteggiamento. Le civette nidificano di preferenza nelle cavità degli alberi, come salici o vecchi alberi da frutto. La femmina cova le uova per un periodo di quattro settimane rimanendovi seduta sopra. L'incubazione delle uova comincia prima che la covata sia completata e così, quando nascono i primi piccoli, il maschio porta il nutrimento a loro e alla femmina che continua a covare le uova non ancora schiuse. Successivamente saranno invece ambedue i genitori a nutrire i piccoli della covata. I piccoli quando nascono sono ciechi e sordi, coperti di una peluria biancastra, ma nel giro di una settimana essi cominciano a vedere e a sentire. Le civette possono produrre suoni diversi. In genere emettono i loro "ku-vitt-kuvitt" o il lamentoso "kviun" ma anche grida acute e stridenti. Per il canto lamentoso, la civetta fu considerata un tempo un uccello presagio di morte e perseguitata ovunque si facesse vedere.

 

 

Strigiformi  

www.naturaearte.altervista.org