Didascalia N° 1

Fringuello (FRINGILLA COELEBS)

Classificazione Ordine Passeriformi. Famiglia Fringillidi.

Caratteristiche Lungo 15 cm. Il maschio ha la fronte nera. Il vertice e la nuca di color grigio blu, il dorso è bianco castano e più in basso verde giallastro. I lati della testa e del collo, la gola e il petto sono rossastri mentre il sottocoda è biancastro. La femmina presenta le parti superiori color bruno grigio verdastro, quelle inferiori brunastro grigi. I giovani somigliano alle femmine, hanno chiazze biancastre sulla nuca e il groppone verde brunastro. Ha evidenti barrature bianche sulle ali e le timoniere esterne sono bianche.

Ambiente è uno dei più comuni uccelli europei e nidifica in boschi cedui e di coniferi, giardini, parchi, zone coltivate e alberate.

Diffusione Europa, Asia, Africa nordoccidentale.

Vita e abitudini Costruiscono un nido a coppa, costituito da muschio, licheni ed erba, piume, ecc. Depone una o due covate l'anno composte di 4-5 (talvolta 2-8) uova ciascuna. Le uova sono deposte ad intervalli giornalieri: l'incubazione ha inizio con la deposizione dell'ultimo uovo, è affidata alla femmina e dura intorno agli 11-13 giorni. I nidiacei, nidicoli, sono allevati da entrambi i genitori, e lasciano il nido a 12-15 giorni. Il fringuello ha un'alimentazione particolarmente granivora nutrendosi soprattutto di semi, polpa di frutta, sostanze vegetali; si nutre anche d’invertebrati. In autunno e inverno si vede spesso in stormi più o meno grandi – dai dodici ai mille esemplari – formati per lo più da individui dello stesso sesso. Spesso gregario con le peppole. Il richiamo di volo è un breve <<giuip giuip>> mentre la voce consueta è un breve e risuonante <<pick>>.

 

Didascalia N° 2

Fringuello - Fringilla coelebs

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine: Passeriformi
Famiglia: Fringillidi
Genere: Fringilla
Specie: coelebs

Specie che nidifica in tutta Europa, Asia occidentale e Africa settentrionale. In Italia risulta stazionario, comune e numeroso durante il passo e il ripasso (settembre-novembre e febbraio-aprile). Le caratteristiche zone di svernamento sono il bacino del mediterraneo e Africa settentrionale.

Caratteri distintivi

Dimensioni piccole (19-23 gr.). Sessi simili. Testa e vertice ardesia, fronte nera con apici delle penne fulvi, dorso e groppone verde giallastri, mento, gola, petto e fianchi rosso vinato, addome e sottocoda color crema. La femmina appare nel complesso con meno rosso vinato e grigia nel petto. Muta completa a fine estate e parziale in primavera.

Biologia

Frequenta campagne alberate, radure di boschi di latifoglie. Specie gregaria eccetto nel periodo riproduttivo. Terragnolo e monogamo. Il maschio delimita il territorio di riproduzione emettendo il caratteristico canto “in versi” ripetuto per tutta la giornata. Il nido, costruito con molta cura dalla sola femmina viene posto su alberi ed arbusti e all'interno vengono deposte 4-5 uova che vengono incubate dalla sola femmina, mentre il maschio la alimenta, per 11-13 giorni. I pulcini, accuditi da entrambi i genitori abbandonano il nido a circa 15 giorni. Sono frequenti anche due covate all'anno. Alimentazione essenzialmente vegetale ma in primavera ed estate la dieta comprende anche sostanze animali.

Home      www.naturaearte.altervista.org