Gruccione (Merops apiaster)

Classificazione Ordine Coraciformi. Famiglia Meropidi.

Misura cm 28. e pesa in media 55 grammi. Il becco è lungo e sottile;  Ambiente Campagne coltivate, terreni aperti e aridi.

Diffusione Africa meridionale. Europa meridionale, Asia.

Vita e abitudini Comune in aperta cam­pagna con alberi e cespugli sparsi. Nidifica in colonie sui terreni sabbiosi dei fiumi e nelle cave di sabbia, ma può anche nidificare da solo e pone il nido al termine di una galleria lunga fra 70 e 250 cm, scavata con il becco e le zampe da entrambi i mèmbri della coppia. La galleria è scavata di solito su pendici verticali, talvolta sul terreno, orizzontalmente. La cavità finale può essere imbottita con i resti.

Degli insetti mangiati. L'unica covata annuale si compone di 4-7 uova (fino a 10) incubate da entrambi i sessi per 24 giorni. I nidiacei, nidicoli, sono nutriti dai due genitori e volano all'età di 24 giorni circa. L'abito è variopinto, con dorso giallo-marrone e parti inferiori azzurre; i soggetti immaturi hanno colore meno vivace e mancano delle timoniere me­diane allungate. Spesso si posa su fili orizzontali. Si può incontrare in stormi; il volo sulle lunghe ali appuntite è molto elegante. A volte fa lo « spirito santo ». Cac­cia insetti in aria. La voce è un caratteristico sonoro « pruir », spesso ripetuto ed emesso soprattutto in volo. Il gruccione si nutre d’insetti catturati in volo, soprattutto imenotteri (al cui veleno è insensibile), libellule, coleotteri, ecc. I resti non digeriti delle prede sono rigettati dal becco sotto forma di piccole borre.

 

 

Home      www.naturaearte.altervista.org