Tordela (Turdus viscivorus)

Classificazione Ordine Passeriformi, famiglia Turdidi.

Caratteristiche: lunga sui 26 cm, ha le parti superiori di una colorazione grigiastro brunastra, le parti inferiori sono bianco rossicce fittamente macchiettate con macchie grosse e scure. Le penne del dorso sono orlate di giallognolo, quelle del sopra coda orlate di bianco grigiastro; il sottocoda è castano, ascellari e sottoala sono bianchi, la coda è castano grigiastra e le timoniere esterne chiare. Gli individui giovani sono macchiettati di biancastro sulle parti superiori.

Ambiente Bosco, giardini, parchi, frutteti, campagne, pascoli, brughiere. In alcune zone vive anche nei giardini di città e villaggi.

Diffusione Europa, Asia. Africa settentrionale.

Vita e abitudini Nidificano sugli alberi, alle biforcazioni dei rami, o tra i cespugli. Il nido è una robusta coppa fatta di sostanze vegetali ed è costruito dalla femmina. Depone due covate, costituite generalmente da 4-5 uova (talvolta 3-6) incubate dalla femmina, a completamento della cova, per 12-15 giorni. I nidiacei, nidicoli, sono allevati da entrambi i genitori. Restano nel nido per 12-16 giorni. Volano a circa 20 giorni d’età e sono alimentati per un po' dai genitori, anche quando hanno abbandonato il nido. La tordela si nutre di sostanze vegetali (frutti, bacche, semi) e d’invertebrati (molluschi, vermi, Insetti). In autunno e in inverno si vede in piccoli gruppi; sul terreno sta in posizione più eretta degli altri Tordi. Il volo è caratterizzato dall'alternato battere e chiudere delle ali. La voce è un caratteristico chiacchiericcio, con pause tra una frase e l'altra. Il canto assomiglia a quello del Merlo, ma è più breve e meno simile ad un flauto.

 Home      www.naturaearte.altervista.org